Di vittime e di carnefici

timthumb.php

E’ strano stare incastrato sul sedile claustrofobico di un treno diretto a Roma e leggere questa storia pazzesca, scritta tutta senza punti, di un tizio a sua volta seduto su un treno diretto a Roma un tizio che è anche un gran figlio di puttana stirpe ustascia tagliagole del vecchio Franjo tirapiedi dei servizi, insomma un pezzo di merda ma con un grandioso flusso di coscienza in cui i serbi sono abili a domare i cavalli, il commilitone nazionalista torturatore e stupratore diventa piè veloce e nello scorrere dei secoli del sangue, nell’incrociarsi dei corpi dei popoli delle armi questo fascistoide francocroato continua a vedere l’eterno gioco degli dei davanti alle mura di Troia

e poi se posso permettermi una nota personale questo Énard, oltre a essere un grandissimo scrittore, mi ha riportato alla mente un sacco di posti e momenti tante estati a Cannaregio la mia Trieste lacerata dal secolo appena trascorso i vecchi spagnoli con le lenti a specchio alla messa in ricordo di Franco migliaia di occhi nella periferia meridionale di Beirut il rumore dei lanciarazzi nella notte della Bekaa i carri armati schierati come lupi in Armenia un’autoblindo turca a tutta velocità nei vicoli di un villaggio sul Tigri perché è anche la mia ossessione la Zona la Zona la Zona.

Annunci

Informazioni su giovannitomasin

Giornalista professionista, scrivo abitualmente per il quotidiano Il Piccolo di Trieste. Archeologo di formazione, ho una passione inestirpabile per tutto ciò che è Mediterraneo.
Questa voce è stata pubblicata in Letteratura, Viaggi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...